Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

VAL D’OSSOLA (VB) – CIASPOLATE IN VAL DEVERO

4 Marzo - 7 Marzo

VAL D’OSSOLA (VB)

CIASPOLATE IN VAL DEVERO 

dal 04 al 07 marzo 2022

  

COMITIVA UNICA (EAI) attrezzatura obbligatoria: Ciaspole, ARTVA, Pala e Sonda

 

La Valle Devero è una valle alpina che appartiene alla Val d’Ossola, situata all’estremo nord del Piemonte (VB), al confine con la Svizzera, nelle Alpi Lepontine. Si dirama all’altezza del paese di Baceno e si apre alla sommità formando un’ampia conca, nota come Piana di Devero, nella quale si trova l’Alpe Devero. La parte superiore della valle è inserita nel Parco naturale dell’Alpe Veglia e dell’Alpe Devero.

L’Alpe Devero è una conca a 1600m, in un ampio pianoro, circondata da fitte macchie di conifere e dalle vette del Monte Cervandone, Punta della Rossa, Pizzo Cornera e Monte Cazzola. Vi si trovano un gruppo di casolari e baite caratteristiche con i tetti in piode.

 

1°giorno:

Trasferimento da Sarzana a Baceno e proseguimento per il parcheggio dell’Alpe Devero dove saliamo alla Piana di Devero per attività pratica e formativa sull’utilizzo dell’ARTVA. Al termine rientro a Baceno e sistemazione in albergo.

 

2°giorno:

Alpe Devero (1634m) – Corte d’Ardui  (1760m)– Crampiolo  (1767m)– Diga Codelago (1856)– Crampiolo – Vallaro (1747m) – Alpe Devero  (1634m)

Difficoltà WT1 – Dislivello: 250 m , Tempo circa 4 ore, Lunghezza: 7 km

Località di partenza ed arrivo: parcheggio auto dell’Alpe Devero

Descrizione del Percorso:  Dall’Alpe Devero, località ai Ponti, costeggiamo il torrente fino all’Alpe Corte D’Ardui, una radura nel bosco con baite in pietra e da qui al paesino di Crampiolo: case in pietra, baite e una cappella. Si supera un ponticello appena dopo la chiesa, e si prosegue verso destra, immettendosi in un piccolo vallone, puntando la diga. Si sale costeggiando alcuni larici sino a giungere a Codelago, uno dei laghi più grandi dell’Ossola. Nel 1910 fu costruita una diga in modo da innalzare il livello delle acque e favorire lo sfruttamento idroelettrico Sulla strada del ritorno, poco prima di Crampiolo si devia verso il Lago delle Streghe, uno splendido specchio d’acqua (detto anche Lago Azzurro), circondato da un lariceto per tre lati. Proseguiamo verso Vallaro, poi al Rifugio Castiglioni in località Canton e da qui chiudiano l’anello in località ai Ponti

 

3°giorno:

Alpe Devero (1634m) – Corte d’Ardui  (1760m)–  Alpe Sangiatto  (2010m)– Corte Corbernas (2007) – Alpe Devero  (1634m)

Difficoltà WT2 – Dislivello: 420 m, Tempo circa 5 ore, Lunghezza: 10 km

Località di partenza ed arrivo: parcheggio auto dell’Alpe Devero

Descrizione del Percorso: itinerario molto panoramico e vario, dal bosco sino a spazi aperti. Dalla località Ai Ponti si segue l’itinerario del giorno precedente fino alla radura di Corte d’Ardui. Alla sinistra delle baite si seguono ripide tracce di sentiero che superano un risalto che conduce in una conca, attorniata da pendii alberati per poi arrivare alla conca dove è situato il Lago Sangiatto da dove si ammira il gruppo del Cervandone. Salendo alla sinistra del lago si raggiungono un gruppo di baite, ancora utilizzate in periodo estivo e conosciute come Alpe Sangiatto. Vale la pena compiere un ulteriore sforzo e guadagnare il valico successivo di Corte Corbernas ed allargare ulteriormente il proprio orizzonte. La discesa avviene lungo l’itinerario di salita

 

4°giorno:

Alpe Devero (1634m) – Pedemonte –  Alpe Misanco (1907m) – Lago Nero – Alpe Buscagna (1940) –  Alpe Devero  (1634m)

Difficoltà WT2 – Dislivello: 400 m, Tempo circa  4 ore , Lunghezza: 7 km

Località di partenza ed arrivo: parcheggio auto dell’Alpe Devero

Descrizione del Percorso: è un itinerario molto vario, ai piedi del gruppo del Cervandone che porta al Lago Nero. Dalla località Piedimonte (le case dopo la pista da sci) un ponticello in legno permette di guadare il torrente e di salire nel bosco di larici sino alle baite dell’Alpe Misanco. Si sale ancora, su neve ripida, sino a raggiungere la conca dove, attorniato da larici, è adagiato il Lago Nero. Dal lago, guardando il Cervandone, si prosegue, in piano, sino ad uscire dal bosco di larici, raggiungendo la piana di Buscagna e puntando ad un gruppo di baite di cui, in genere, affiora solo il tetto. E’ consigliabile fare ritorno seguendo l’itinerario di salita per evitare la ripida discesa non battuta del Rio Buscagna.

 

NOTE: Le escursioni sono limitate ad un massimo di 20 partecipanti e potranno subire variazioni a seconda delle condizioni atmosferiche, del manto nevoso e della percorribilità dei sentieri.

 

Le prenotazioni accompagnate da una caparra di € 60 inizieranno sabato 05/01/2022, sarà data precedenza ai soci che avevano aderito nel 2021

Il viaggio sarà organizzato con auto proprie. Orario di partenza: Sarzana ore 7.00 da Piazza Terzi

 

Accompagnatori di escursione: M. Pucci (370.1018097)   M. Guastini (329.2107473)

 

Dettagli

Inizio:
4 Marzo
Fine:
7 Marzo
Categoria Evento: